Intervista esclusiva a Vindex813, vincitore della seconda online challenge del WINDTRE Rising Stars Series

Dopo le straordinarie performance nelle prime due challenge online del WINDTRE Rising Stars Series, abbiamo deciso di contattare in esclusiva Michael ‘Vindex813’ Amara per chiedergli le sue impressioni, giunti a metà campionato. Ecco cosa ci ha raccontato:

Ciao Michael, grazie per averci dedicato un po’ di tempo! Tu arrivi da due primi posti nelle online challenge su PC (l’ultimo addirittura un primo posto globale). Senti di poter arrivare alla vittoria finale?

Beh, credo che un po’ tutti i piloti che competono in questo campionato vogliano arrivare alla vittoria, però parlando oggettivamente credo che la velocità ci sia quindi… perché no? Ovviamente ci sono un paio di avversari molto tosti, però speriamo di fare un bel risultato.

La scorsa challenge si è giocata sul circuito olandese di Assen: come ti sei trovato a gareggiare su questa pista? Hai trovato delle difficoltà?

Assen storicamente è una delle piste in cui vado meglio, già l’anno scorso in un’altra challenge mi ricordo di aver ottenuto un primo posto. Anche a livello di setup riesco a mascherare qualche problema, perché riesco ad adattarmi alle curve del tracciato. Per il mio stile di guida va benissimo!

La prossima challenge online sarà su un tracciato francese, Le Mans. Cosa ti aspetti da questa pista storica? Quali saranno le insidie?

Le Mans è un’altra pista che mi piace, in cui mi trovo bene. Però forse al contrario di Assen credo di fare meno differenza, perché è un tipo di pista che impone certe traiettorie ed è meno versatile. Quindi mi aspetto gli avversari più vicini. Il fatto di dover utilizzare per forza uno standard di traiettorie e non poter variare secondo me renderà il tutto più complicato, soprattutto per fare il giro perfetto.

Nella classifica generale sei primo a 50 punti insieme a pieroricciuti55. Secondo te sarà lui il tuo principale avversario fino alla fine?

Chiaramente sì, ma ci sono diversi motivi: a parte la velocita, perché lui è velocissimo, secondo me la ragione principale è che, conoscendolo da un po’, so che ha molta esperienza nel fare le gare. Cosa che non tutti i piloti hanno. La sensazione di avere lui come principale rivale c’è, però non dobbiamo neanche trascurare qualche altro pilota, anche su XBOX. Però credo che Piero sia il rivale più tosto da affrontare anche in gara.

Hai usato dei settaggi particolari per la moto nella challenge di Assen? Se sì quali?

Ti dirò, alla fine questo gioco permette diversi stili di guida, quindi anche diversi assetti per la moto. C’è chi predilige una frenata più forte e aggressiva, mentre ci sono altre persone come me che prediligono di più la percorrenza e l’uscita di curva. Secondo me, parlando anche di Assen, io prediligo una moto un po’ più morbida, perché uscire velocissimo da quelle curve è la chiave. Al contrario, non ci sono tante frenate e staccate che impongono un assetto un po’ più rigido. Quindi per circuiti come Assen prediligo una moto un po’ più morbida a livello di sospensioni, mentre in altre (tra cui Le Mans) si può pensare di cambiarlo e renderlo un po più rigido sulla parte anteriore della moto.

C’è un messaggio che vuoi lasciare ai tuoi avversari in questo campionato?

Beh intanto spero mi stiano ancora un po’ dietro… (ride, ndr). A parte gli scherzi, più che un messaggio ho un consiglio: io questo campionato lo sto vivendo divertendomi al 100% come ho sempre fatto, senza farmi distogliere dall’ansia. Uno deve stare concentrato, ma senza strafare. Quindi serve concentrazione, ma non bisogna avere l’ossessione di fare chissà quante ore di gioco per essere più preparati. Bisogna cercare i propri limiti e superarli poco alla volta, senza fare il passo più lungo della gamba!

Ringraziamo Michael per la simpatia e la disponibilità dimostrate in questa intervista e gli auguriamo un grosso in bocca al lupo per il proseguo del campionato!

Condividi l’articolo

X